Marco Busi di Lubiam: “Innoviamo grazie a ComelZ”

Busi, dalle pagine di Technofashion: “Siamo fieri del nuovo sistema adottato, che rappresenta una milestone importante nel percorso di crescita dell’azienda. Con Comelz abbiamo affrontato un ulteriore passo avanti, che ci permetterà di continuare ad operare all’insegna dell’eccellenza e di puntare come sempre sulla nostra produzione Made in Mantova, che ancora oggi dopo oltre cento anni ci permette di dare lavoro alle famiglie del territorio e di valorizzare le competenze delle nostre (preziosissime) risorse interne.”

Coerentemente con la propria filosofia aziendale, Lubiam continua a muoversi nel segno dell’innovazione e della ricerca, adattandosi alle esigenze del mercato e alle evoluzioni del settore moda, che per definizione sono in continuo cambiamento. Per questo motivo negli ultimi anni l’azienda ha scelto di rivedere completamente il proprio concetto di produzione, in un’ottica di perfezionamento ed ottimizzazione dei processi, anche per quanto riguarda la sala taglio.

In passato, quando erano previsti un numero limitato di modelli e di tessuti, con la gestione di ordini esclusivamente stagionali, il concetto di taglio a materasso di grandi lotti con lanci di produzione settimanali era l’unico sistema utilizzabile.

Oggi le esigenze sono cambiate completamente, specialmente quando si parla di capi sartoriali di alta qualità: l’offerta di modelli e di tessuti è infatti decuplicata, rendendo gli ordini molto più parcellizzati e capillari.

Le consegne devono essere sempre più mirate per soddisfare le necessità molto variegate della clientela.

Per altro, al fine di contenere il capitale investito, lo stock di materie prime deve essere ottimizzato e ridotto al minimo. I servizi sono diventati strumento indispensabile di fidelizzazione del cliente: il riassortimento rapido e il servizio su misura sono oggi tra i servizi più richiesti ed apprezzati, e rappresentano una fetta importante del fatturato globale, nonché un significativo driver di crescita.
Infine, l’altezza media dei materassi di taglio si è progressivamente abbassata, fino ad arrivare in Lubiam ad una media di 1,9 capi per materasso.

Questo nuovo scenario ha portato Lubiam a ripensare completamente il concetto di sala taglio e a scegliere la soluzione del taglio a foglio singolo, che non implica solamente l’introduzione di una macchina particolare, ma rappresenta una filosofia completamente nuova ed innovativa.

Racconta Marco Busi, Direttore di Produzione: “Abbiamo sviluppato un software, a monte del sistema di taglio, che permette di creare i pacchi di lavoro per il cucito mantenendo intatte le righe ordini dei clienti e miscelando opportunamente modelli, tessuti e colori. Non è quindi più necessario fare un lancio di produzione settimanale, raggruppando il più possibile i modelli in modo da migliorare l’altezza dei materassi. Oggi siamo in grado di lanciare ogni giorno i capi, con l’obbiettivo primario della completa soddisfazione del cliente. Si tratta di un bel salto di qualità!”

Nel sistema tradizionale, la fase del taglio prevede una serie di passaggi, e precisamente:
– Lancio e miscelazione
– Prelievo delle pezze di tessuto
– Stesura del tessuto a materasso
– Taglio del tessuto a materasso
– Riordino dei pezzi tagliati per riga ordine
– Prelievo delle pezze di fodera
– Stesura fodere a materasso
– Taglio delle fodere a materasso
– Riordino pezzi tagliati per riga ordine
– Creazione dei pacchi di lavoro per il cucito abbinando tessuto e fodera

Con il nuovo sistema a foglio singolo, il lead-time della sala taglio dal lancio di produzione all’immissione nel reparto cucito si è più che dimezzato, riducendosi a 2 giorni per gli ordini urgenti e su misura e a 3 giorni per la produzione stagionale.
I passaggi diventano ora:
– Lancio e miscelazione
– Prelievo delle pezze di tessuto
– Taglio del tessuto nell’ordine del pacco lavoro
– Prelievo delle pezze di fodera
– Taglio della fodera nell’ordine del pacco lavoro
– Sobaratura – Etichettatura

La tecnologia del taglio a foglio singolo permette di gestire ogni singolo capo in base alle specifiche esigenze commerciali e produttive.

Il nuovo software, partendo dal lancio di produzione, crea il pacco lavoro finale e al tempo stesso indica la sequenza di taglio corretta per la macchina di taglio, sia per il tessuto che per la fodera.
Il taglio si effettua direttamente dalla pezza, perciò la fase di stesura non è più necessaria; inoltre, viene eseguito nell’esatta sequenza del pacco finale, rispettando assolutamente la riga cliente. Quindi non occorre più ricreare i pacchi di lavoro come nel sistema a materassi.
Per poter realizzare tutto questo, Lubiam aveva bisogno di un partner tecnico affidabile e specializzato, capace di mettere a punto un sistema di taglio integrato a foglio singolo. Dopo un’attenta ricerca, l’azienda si è affidata alla Comelz S.p.A. di Vigevano.

Azienda leader nella produzione di macchine per il taglio della pelle, Comelz ha abbracciato fin da subito il progetto Lubiam e nel 2012 ha iniziato la collaborazione per lo studio di un sistema di taglio in continuo a foglio singolo.
Obiettivo: ottenere un sistema di taglio molto performante, che non usasse carta forata e cartene per tagliare.

Comelz già da tempo aveva nel proprio parco macchine una soluzione con due teste di taglio che lavorano simultaneamente, generalmente utilizzata per il taglio della pelle; con l’ausilio delle due teste, il tempo di taglio viene quasi dimezzato rispetto alla testa singola.
Partendo da questo progetto collaudato è stato realizzato un sistema completo per il taglio del tessuto a foglio singolo in continuo.

Come primo step il magazziniere preleva le pezze in magazzino e le dispone in ordine di utilizzo sugli alimentatori a monte dello srotolatore che in modo automatico le carica sulla macchina di taglio, fulcro del sistema. Alla fine della sequenza di taglio di una pezza, il sistema riavvolge la pezza, la fissa con nastro adesivo, la scarica su un carrello e carica la pezza nuova: tutto in automatico.
Il compito dell’operatore è quello di far partire la macchina per il taglio della nuova pezza, prendere e deporre i pezzi tagliati, creare il pacco lavoro e inserirle in appositi contenitori, pronti per essere immessi nel reparto confezioni.

I piazzamenti vengono eseguiti in automatico in maniera interattiva. La macchina misura autonomamente l’altezza della pezza ed avvia il calcolo del piazzati previsti per quella pezza, ottimizzando così di volta in volta i consumi. Prosegue Busi: “Con questo sistema, a differenza del sistema tradizionale con altezze standard a materasso, abbiamo ottenuto un risparmio del 3% di tessuto”.

La macchina è dotata di telecamere che, oltre a misurare l’altezza della pezza, sovrintendono al riconoscimento dei difetti del tessuto.
Le pezze di tessuto che arrivano dal fornitore convergono tutte presso un’azienda esterna per il controllo qualità. Durante la fase di controllo vengono posizionate sul tessuto, in corrispondenza del difetto, delle etichette particolari che si differenziano in 4 tipi diversi per ogni tipo di imperfezione.
Le telecamere della macchina Comelz, durante il taglio, rilevano queste etichette: il software riconosce il tipo di difetto e ricostruisce il piazzato in tempo reale evitando l’errore.
Questa operazione richiede circa 30 secondi in più di tempo e, per i piccoli difetti, un consumo mediamente non superiore ai 3 cm.

Le stesse telecamere individuano le righe del tessuto e l’operatore, con dei minimi spostamenti, riallinea a video i pezzi sulle righe.

Alla macchina è addetto un solo operatore, che si occupa del cambio pezza, del taglio, del prelievo pezzi tagliati, e della composizione pacco lavoro.
Il tempo netto per il taglio del tessuto di un abito è di circa 4 minuti. Il tempo dello scarico pezzi è
“coperto” dal tempo macchina

Per i tessuti a quadri viene ancora utilizzato il sistema tradizionale a materasso con stesura sul tavolo ad aghi. È in corso uno studio per portare anche il taglio dei quadri a foglio singolo.
Per il taglio delle fodere, si adotta lo stesso sistema: foglio singolo in continuo con le pezze in doppiate in rotolo, nella stessa sequenza eseguita per il taglio del tessuto.
Per le fodere il tempo netto di taglio è di circa 2,5 minuti a capo, sempre con un solo operatore che si occupa dei vari passaggi.

Con questo nuovo sistema la sala taglio non è più vincolata dalle altezze dei materassi, ma avrà una produttività sempre costante.
Non è più necessario, quindi, avere grandi scorte di capi al taglio per sopperire alla variabilità dei materassi.
Dal 2013 Lubiam produce tutti i capi uniti e a righe nel sito produttivo di Mantova con il sistema a foglio singolo. Numerosi sono i vantaggi che Lubiam ha ottenuto con questo sistema:

– Notevole risparmio di tessuto, attraverso l’utilizzo dell’intera altezza del tessuto. Solo con questo risparmio, il costo della macchina viene ripagato in tre anni
– Risparmio del 25% di personale utilizzato al taglio.
– Gestione semplificata dei difetti di tessuto cioè: possibilità di individuare e eliminare i difetti senza interrompere il processo produttivo e ottimizzazione del consumo di materiale rispetto al metodo tradizionale
– Lead-time del taglio più che dimezzato
– Stock di materie prime sensibilmente ridotto
– Molta più flessibilità nel miscelare i modelli nella catena del cucito
– Trattamento delle righe in tempo reale con risparmio di tempo
– Non vengono usati cartene e carta sottomaterasso, con risparmio di costi e di smaltimento.
– Aumento della qualità del taglio.